PEDAGOGIA

HIP-HOP

Può l'hip-hop, cultura giovanile sorta nella periferia newyorkese, essere assunto a paradigma pedagogico della contemporaneità? 

Nel testo si evidenzia come un gruppo di giovani cresciuti nel ghetto abbiano sviluppato modalità inedite ed efficaci per apprendere, prendersi cura di sé e del proprio contesto sociale in una condizione di forte disagio, materiale ed esistenziale. Questo approccio è diventato oggi una risorsa di crescita per molti giovani in tutto il mondo. L'analisi si sofferma sulle molteplici connessioni tra gli elementi caratterizzanti le pratiche culturali hip-hop e le riflessioni al centro della discussione pedagogica attuale, sottolineando il valore formativo, per certi versi avanguardistico, di tale esperienza. Il volume, arricchito da diversi esempi di utilizzo di queste pratiche in contesti educativi e scolastici, si rivela uno strumento essenziale per educatori e insegnanti che vogliano sfruttare le potenzialità formative dell'hip-hop nei propri contesti di lavoro, per chi è già coinvolto in questa cultura e voglia approfondirne la dimensione educativa, e per chiunque voglia relazionarsi con il mondo degli adolescenti di oggi, valorizzandone le risorse più originali.

Davide Fant

PEDAGOGIA HIP-HOP
Gioco, esperienza, resistenza

pp: 160


Carocci editore, Roma 2015
Collana Biblioteca di testi e studi
ISBN: 9788843075614

  • Facebook - Grey Circle
  • Blogger - Grey Circle

Acquista da:

 

Gare di freestyle, graffiti, evoluzioni dei breakers: luoghi di avanguardia educativa.

Come apprendono le nuove generazioni?

 

In modo non lineare, attraverso cut-upcampionando, costruendo narrazioni inedite da vissuti frammentati. Remixando la complessità per generare esperienza significativa.

In poche parole, imparano hip-hop.

 

La proposta è quella di osservare la cultura giovanile oggi più diffusa al mondo, che comprende pratiche quali la musica rap, l’arte del DJ, il writing ed il breaking, come un modello pedagogico innovativo. Un approccio efficace e vitale che le giovani generazioni – contrariamente alle accuse di passività e nichilismo che vengono loro mosse – hanno sviluppato per prendersi cura di sé e del proprio ambiente sociale in un’ epoca di forti mutazioni e instabilità. Un insieme di pratiche in grado di sviluppare un originale approccio riflessivo alla realtà e attivare processi di apprendimento inediti.

Nel testo si traccia la storia di questo fenomeno, si approfondiscono analiticamente gli elementi di valore formativo e sono riportati diversi esempi di utilizzo delle pratiche hip-hop in contesti educativi e scolastici, proposte di attività per educatori e insegnanti che vogliano sfruttarne le potenzialità nel proprio lavoro quotidiano.

INDICE:

 

INTRODUZIONE

 

PARTE 1: LA CULTURA HIP-HOP

1. IL CONTESTO

1.1 Fuochi tra le macerie di uptown
1.2 Detriti della modernità e frammenti di conoscenza

2. QUATTRO ELEMENTI, QUATTRO GIOCHI

2.1 Il BREAKING: Il gioco della danza sul break
2.2 Il DJing: Giocare con i dischi
2.3 L’MCing: Giocare con le rime e il ritmo
2.4 Il WRITING: Il gioco delle lettere reinventate

3. OLTRE I QUATTRO ELEMENTI

3.1 Lo spazio sacro del gioco: il block party
3.2 Gli street-names: trasformarsi in supereroi del ghetto
3.3 Posse e crew: educazione tra pari verso nuovi (e antichi) modelli aggregativi 3.4 La street-fashion: tra coolness, memoria e originalità
3.5 Lo street-language: la nostra lingua, per dire le nostre cose
3.6 Giocare con la tecnologia: Prometeo liberato da ragazzini irrispettosi

4. DA AFRIKA BAMBAATAA, PRIMO EDUCATORE HIP-HOP, ALLA DIMENSIONE GLOBALE

4.1 La Zulu Nation
4.2 Sognando comunità
4.3 Dal ghetto alla dimensione planetaria

 

PARTE 2: PEDAGOGIA HIP-HOP

5 TRACCE DI PEDAGOGIA HIP-HOP

5.1 L’ambiente ludico
5.2 Quattro elementi per apprendere
5.2.1 Remixare
5.2.2 Narrare
5.2.3 Forme nuove, dall’individuo alla città
5.3 L’approccio critico

6. HIP-HOP: UN GIOCO PER CRESCERE

6.1 Il gioco come spazio per re-inventarsi
6.2 Fra libertà e vincolo
6.3 Who got the flow? Coinvolgimento e sfida

7. RACCONTARSI IN RIMA

7.1 Vale tutto
7.2 Se l’autobiografia cura, chi scrive di sé in rima si cura due volte
7.2.1 Il valore aggiunto del testo rap

8. REMIXING THE WORLD

8.1 Lo sguardo ricombinante del DJ
8.2 Sampling e nuovi modelli di identità culturale
8.3 Apprendimento come appropriazione

9. GIARDINIERI DELLA NOTTE

9.1 Atto compulsivo o scintilla? – Writing come percorso di individuazione
9.2 Incantare la città
9.3 La legalità di Robin Hood

10. CORPI E STRADE

10.1 Ritorno al corpo
10.2 Dalle risse alle power-moves
10.3 Riti di passaggio

11. CONSCIOUS HIP-HOP: DAI PUBLIC ENEMY A PAULO FREIRE

11.1 Resistenza
11.2 Creazione vs Oppressione
11.3 Conscious rhymes: l’hip-hop “impegnato”
11.4 Crepe nel muro della doxa
11.5 Critical hip-hop pedagogy: hip-hop come spazio dialogico

 

Parte 3: ESPERIENZE

12. FRAMMENTI E FORME: IMPARARE MIXANDO

12.1 Divenire DJ – Apprendere dal proprio IPod
12.2 Hip-hop ed educazione interculturale: un’esperienza

13. PERCORSI DI SCRITTURA HIP-HOP

13.1 Cogliere l’occasione
13.2 Slam! Si scrive
13.3 Keep it real! Autenticità e immaginazione, spunti di riflessione e suggerimenti operativi
13.4 Il gioco dei riverberi
13.5 Laboratorio di scrittura rap nel carcere minorile Beccaria

14. WRITING COME STRUMENTO EDUCATIVO

14.1 Lavorare sul proprio nome
14.2 Progetto murales nel campo rom di via Novara

15. PRENDERE IL VOLO

15.1 Eco da Periferia, un esperimento educativo in Brasile

PEDAGOGIA DI UNA GENERAZIONE HIP-HOP 

Glossario

  • Grey Instagram Icona
  • Grey Facebook Icon
  • Grey SoundCloud Icona
  • YT grey icon

© Street Arts Academy 2019